Torna la rubrica della Pro Loco Bronte dedicata alle preghiere e ai detti della tradizione popolare brontese. 

Questo mese vogliamo condividere con voi la filastrocca di un gioco che veniva fatto da tutti i ragazzini, era il cosidetto “ ’Ntrì ‘ntrì  ”, ovvero il comune salterello. Il gioco veniva fatto per strada ed ogni volta che un ragazzino saltava, diceva una frase mentre quando toccava all’altro, rispondeva in rima.Quella che segue è una filastrocca che si ripeteva, tenendo un bimbo a cavallo sulle ginocchia, dondolandolo con le braccia e si faceva finta di lasciarlo andare all’indietro.

Prima strofa

Botta

‘Ntri ‘ntri ,

Lu tarì è strallucenti,

Lu serpenti è virinuszu,

Lu caruszu avi à vigna,

La vigna fà lu vinu,

Tò zu parrinu rici a missa,

Tò zà batissa jiu à chiazza,

Cipullazzi non ndì truvà,

Ora passa lù cavallu rì zambara,

Risposta

setti e un tarì.

setti e un serpenti.

setti e un caruszu.

setti e nà vigna.

si lu bivi tò zu parrinu.

si la senti tò zà batissa.

a ‘cattari tri mazzi rì cipullazzi.

tutti i sò firi rì bàbba si li pinnà.

si pigghia à sò motocimbari e si ndì ‘bora.

Seconda strofa

Botta

‘Ntri ‘ntri ,

Lu tarì è strallucenti,

Lu serpenti avi à cura,

La mura spara caci,

La faci è longa e fina,

La tina è china rì acqua,

La vacca avi i conna,

La ronna avi à billizza,

E ‘ntrizza chì ti ‘ntrizza,

Risposta

setti e un tarì.

setti e un serpenti.

setti e nà mura.

setti e nà faci.

setti e nà tina.

setti e nà vacca.

setti e nà ronna.

setti e nà trizza.

ti rugnu u primmu capu rì sosizza.