In questo mese di Marzo, in cui tutti cerchiamo più del solito il contatto, la vicinanza se pur virtuale con la famiglia, ma anche con la collettività, noi vogliamo condividere con voi una preghiera per la rubrica L’Anticu. Un messaggio speciale per noi e per voi, che arriva dal repertorio di preghiere della tradizione locale, nel giorno dedicato a San Giuseppe, protettore di tutti i Papà.

San Giusippuzzu chi siti lu patri,

Siti veggini commu na matri,

Maria nà rosa, Giuseppi nù gigghiu,

Ratimi fozza, coraggiu e cunsigghiu.

Pi stu bambinellu chi puttati ndè brazzi

Cunciriti tanti grazi.

Cunciritimira a mia pì l’amuri rì Maria.

San Giuseppi siti patri putativu,

Sposu rì Maria, prigati pì natri,

Chi natri ricurrimmu a Vatri.

San Giusippuzzu vù siti lu maggiori,

Siti lù patri rù nostru Signuri.

‘Ntesta puttati lù santu cappellu,

Ndi li manuzzi lu santu bastuni.

Commu libirastuvu a Maria in Egittu,

Libirati stù cori affrittu.

Divinu San Giuseppi,

Siti chinu rì carità,

Succurriti ndi lì necessità.

San Giusippuzzu sposu ri Maria,

Spingiti lù brazzu e biniriciti a mia.

Patriacca immacolatu

Siti sposu ri Maria,

Proteggiti l’anima mia.

Quant’è randi a vostra potenza!

Mandatimi aiutu e pruvvirenza.