Per il consueto appuntamento con la rubrica “L’Anticu”, dedicata alle preghiere, detti o indovinelli della tradizione popolare brontese, vi proponiamo una giaculatoria da recitare per allontanare il maltempo. Ci avviamo infatti verso la cosiddetta “bella stagione” e, nella speranza di allontanare le nuvole all’orizzonte e poter godere di un cielo sereno, siamo lieti di riscoprire con voi questa antica preghiera popolare. Buona lettura.

“A vù Prigammu,

Carissima Matri

U’ Vostru figghiu

Mì camma stù tempu

Mì murimmu commu i Cristiani

Cu l’ogghiu Santu Sacramentu.

Santa Ruszurìa

Pì Cristu e pì Maria

Chianu rì piccaturi

Misericoddia Nostru Signuri”.

Da ripetere 10 volte e al termine recitare il Credo.

Foto: “Una lama di luce”, Andrea Aidala, Bronte 2019

This Post Has Been Viewed 135 Times