Ricette brontesi: le “paste secche”